SEGUI IL DISAGIO SU:

informativa cookie e privacy

home > prevale l'attuale >

Il congelamento del cambiamento

ice-change

Qualche mese fa, prima delle elezioni…

C’era chi voleva cambiare città.
C’era chi voleva cambiare mentalità.
C’era chi voleva cambiare autorità.
C’era chi voleva cambiare la società.

C’era chi voleva cambiare lavoro.
C’era chi voleva cambiare ristoro.
C’era chi voleva cambiare abitudini.
C’era chi voleva cambiare latitudini.

C’era chi voleva cambiare sesso.
C’era chi voleva cambiare sé stesso.
C’era chi voleva cambiare sfondo.
C’era addirittura chi voleva cambiare il mondo.

C’era chi voleva cambiare le regole.
C’era chi voleva cambiare le mensole.
C’era chi voleva cambiare partner.
C’era chi voleva cambiare pusher.

C’era chi voleva cambiare vita.
C’era chi voleva cambiare via d’uscita.
C’era chi voleva cambiare i Mercati.
C’era chi voleva cambiare i soldati.

C’era chi voleva cambiare politica.
C’era chi voleva cambiare i politici.
C’era chi voleva cambiare pettinatura.
C’era chi voleva cambiare letteratura.

C’era chi voleva cambiare musica.
C’era chi voleva cambiare pratica.
C’era chi voleva cambiare percorso.
C’era chi voleva cambiare discorso.

C’era chi voleva cambiare partito.
C’era chi voleva cambiare il partito.
C’era chi voleva cambiare tendenze.
C’era chi voleva cambiare esperienze.

C’era chi voleva cambiare il governo.
C’era chi voleva cambiare il contorno.
C’era chi voleva cambiare costumi.
C’era chi voleva cambiare consumi.

C’era chi voleva cambiare alimentazione.
C’era chi voleva cambiare impostazione.
C’era chi voleva cambiare contestazione.
C’era chi voleva cambiare religione.

C’era chi voleva cambiare comportamento.
C’era chi voleva cambiare appartamento.
C’era chi voleva cambiare il testamento.
C’era chi voleva cambiare il cambiamento.

E adesso?

Beh, con le radiose larghe intese abbiamo sempre meno alternative e, di conseguenza, possibilità di scelta. Ciò nonostante siamo ancora e sempre condannati ad agognare il cambiamento in un perenne desiderio cristallizzato nel tempo.

“Non c’è nulla di immutabile, tranne l’esigenza di cambiare.“ (Eraclito)

meditato da Mr SeeRed
28-05-2013

Vuoi lasciare un commento? Scrivilo sul "Muro del Disagio"

CERCA NEL DISAGIO: