SEGUI IL DISAGIO SU:

informativa cookie e privacy

home > prevale l'attuale >

iMu

Chi afferma con sicumera che l’Italia è rimasta indietro sullo sviluppo delle nuove tecnologie digitali è in malafede.

Quel qualcuno infatti non si accorge che il mirabolante esecutivo bocconiano ha elaborato una svolta innovativa che parte proprio da questo settore.

L’azione riformatrice prende lo spunto da una puntigliosa analisi di mercato sui successi commerciali della nota multinazionale Apple Inc. dalla quale risulta incontrovertibile il seguente dato: un aumento vertiginoso di entrate e prestigio a seguito dell’introduzione in sequenza di prodotti quali iPod, iPhone, iPad.

La sottile arguzia economica improntata alla “Crescita” del governo italiano ha quindi immediatamente concepito con analoga filosofia un nuovo strumento di nome iMu.

Raffinato e potente dispositivo digitale?
Ingegnoso apparecchio di comunicazione?
Sofisticato congegno multimediale?

Nient’affatto: un moderno e sfavillante balzello municipale.

Dal quale, per inciso, è previsto un forte incremento delle entrate, ma un non altrettanto certo aumento del prestigio dei valorosi professori governativi.

Previa comunque un’attenta stima consuntiva dei risultati a fine anno, l’esecutivo è intenzionato a proseguire questa rivoluzionaria riforma con l’introduzione, a pagamento, di alcune prodigiose varianti.

iMod: una versione di iMu tramite la quale è possibile, allo sportello della banca, scegliere un lista di canzoni da ascoltare mentre si versa l’importo dovuto;

iMone: con questo modello di iMu è possibile telefonare a un delegato del governo e chiedergli di cantare una canzone per il tempo necessario a pagare l’imposta all’impiegato della banca. (Con un piccolo sovrapprezzo è inoltre disponibile la buffa funzione strApp, con la quale si può stracciare virtualmente la lista di canzoni scelta da un altro contribuente con iMod nel più vicino sportello);

iMad: in questa versione di iMu è possibile dare di matto allo sportello della banca dove ci si reca a pagare il tributo, ma solo per il tempo richiesto ad eseguire la transazione.

meditato da Mr PinkElephants
17-06-2012

Vuoi lasciare un commento? Scrivilo sul "Muro del Disagio"

CERCA NEL DISAGIO: