SEGUI IL DISAGIO SU:

informativa cookie e privacy

home > prevale l'attuale >

In merito al merito

Avete presente quell’espressione che agghinda tipo prezzemolo molte delle attuali considerazioni da bar sport sull’organizzazione della società?

“Ce la meritiamo questa…”

Dove, al posto dei punti di sospensione, potete tranquillamente inserire qualunque cosa. Ad esempio: casta politica, crisi finanziaria, nazionale calcistica, corruzione economica, criminalità mafiosa, antipolitica, catastrofe ambientale e così via.

Ecco, l’irritante abuso di questa locuzione presuppone che ogni individuo sia allo stesso modo corresponsabile di tutte le nefandezze del presente.
Sintetizzando brutalmente: la realtà fa schifo?
E’ perché tu fai schifo.

Mi sembra onestamente un utilizzo spericolato del concetto di merito oltre che una semplificazione assai discutibile.

Ma la scarsa dimestichezza con il significato di merito si palesa ormai da diverso tempo nell’altrettanto fastidioso richiamo alla meritocrazia, invocata come viatico salvifico di ogni stortura della società.
A tal proposito è interessante sapere che il termine meritocrazia è un’invenzione del sociologo, attivista politico e intellettuale inglese Michael Young che, nel 1958, scrisse il libro “The Rise of Meritocracy”.

Un trattato sociologico sullo sviluppo dell’umanità?
Un saggio intellettuale sull’importanza delle competenze individuali?
Un compendio per un programma politico riformista dedicato al progresso?

Nient’affatto.

E’ un romanzo fantascientifico che racconta la realtà distopica di una ipotetica società del futuro in cui la posizione sociale di un individuo è determinata dal suo quoziente intellettivo e dal suo sforzo.
Ma non si realizza un eden sociale in cui ognuno ha in base alle sue capacità, bensì un regime totalitario, in cui una piccola élite di persone si autoperpetua al potere (vi ricorda qualcosa?) sfruttando la discriminazione basata sull’intelligenza.

La parola meritocrazia nasce quindi con una forte e inequivocabile connotazione negativa e, per il suo autore, tale rimane.

Forse non ci meritiamo la meritocrazia

meditato da Mr PinkElephants
02-09-2012

Vuoi lasciare un commento? Scrivilo sul "Muro del Disagio"

CERCA NEL DISAGIO: