SEGUI IL DISAGIO SU:

informativa cookie e privacy

home > prevale l'attuale >

Ottica Expo

otticaexpo

Sarà probabilmente dovuto ad un problema di angolazione: mi sforzo di guardare, ma continuo a non vedere.
Né, forse, a capire

Da mesi infatti nella mia città, prescelta per la grande esposizione internazionale che sulla carta dovrebbe cominciare tre un paio di settimane, si propaga sulla bocca compiaciuta di chiunque l’espressione “..in ottica Expo”. Declinata con un tono di orgogliosa attesa e debitamente preceduta da un qualsivoglia sostantivo buttato lì a pene di segugio: da iniziativa, progetto, idea, evento, fino a bicicletta, aperitivo, calzature e pizza.

Lambiccandomi i neuroni per cercare di capire perché non riuscissi ad unirmi al coro festante del miracoloso avvento, sono giunto alla conclusione che trattasi di impedimento meccanico, dovuto a mancanza di adeguata protesi oculare: sono privo dell’indispensabile occhiale expo. Di cui, peraltro, pare siano disponibili svariati modelli.
Eccone una breve carrellata.

Occhiale semplice da lettura expo
Utilizzandolo è possibile vedere le magnifiche sorti del prodigioso evento, ma unicamente da un distanza ravvicinata che volutamente non consente una visione critica d’insieme.
Semplice e adatto alla quotidianità.

Occhiale bifocale expo
Un modello più sofisticato che, una volta inforcato consente una buona visione sia nel dettaglio, sia nella panoramica. Mai entrambe contemporaneamente.
Squilibrato, ma efficace.

Occhiale progressivo expo
Con queste lenti si evitano bruschi cambi di messa a fuoco che potrebbero lasciare intuire sordide operazioni di camouflage nei vari padiglioni fieristici.
Gradevolmente schermante.

Occhiale fotocromatico expo
Fiore all’occhiello della produzione è un occhiale che può essere indossato disinvoltamente in ogni occasione. Permette di ignorare qualsiasi ipotetica critica negativa all’evento, adattandosi, in qualsiasi circostanza, alla radiosa luce dell’ottimismo e dell’entusiasmo.
Luminoso, ma con garbo.

Occhiale da sole expo
E’ il modello più scanzonato e probabilmente il più richiesto. Indossato consente di vedere le meraviglie luccicanti dell’esposizione, ma allo stesso tempo ripara meticolosamente dai pericolosi raggi di informazione che rischiano di offuscarne la gloria (corruzione, infiltrazioni mafiose, camouflage, etc…).
Altamente protettivo.

Se, come me, avete qualche problema di vista e se, diversamente da me, volete godere del favoloso evento, procuratevi uno dei suddetti occhiali e, forse, riuscirete a cambiare la vostra prospettiva.

Per quanto mi riguarda la prospettiva è Nevskij.

meditato da Mr SeeRed
14-04-2015

Vuoi lasciare un commento? Scrivilo sul "Muro del Disagio"

CERCA NEL DISAGIO: