prevale l’attuale

Dichiarazione di veto

E così, dopo mesi e mesi di estenuante, spesso avvilente, quasi sempre nauseante propaganda, eccoci quasi giunti al giorno del referendum sulla riforma costituzionale… continua»

Nobel che vieni nobel che vai

Quanta poesia ci può essere dentro una canzone? continua»

Europavelas

Chi ha detto che le telenovelas sono morte?
Quella più in auge negli ultimi anni, almeno in questa parte di mondo, si intitola Unione Europea… continua»

Addestramento democratico

Se davvero la società, come si dice, è diventata liquida, sembrerebbe proprio che la politica si sia liquefatta… continua»

Accadrà l’altroieri

Se è vero che il tempo è relativo, come ci ha insegnato il buon Einstein, forse non ci dovremmo stupire troppo dell’uso spericolato che ne fa il più giovane e scanzonato presidente del consiglio del paese… continua»

Europa saganaki

Divampa prepotente il disagio sotto i cieli d’Europa.
Niente di nuovo ma la sensazione di occasione perduta, con l’ennesimo guazzabuglio sull’affaire Grecia, è fragorosa… continua»

Sinistra renzista

Liberamente ispirata a quel signor G, talento irriverente di cui troppo spesso si sente la mancanza… continua»

Matteitudine

il destino volle che i rispettivi genitori diedero loro identico nome e oggi, da cittadini, la diade dei Matteo con tutti i suoi seguaci ci perseguita senza freni inibitori… continua»

Confritto sociale

Qual è quella tecnica culinaria che permette di occultare abilmente la sgradevolezza di una pietanza?
La risposta è dorata e croccante… continua»

Gratistudine

Se è vero che una cosa vale quel che costa, ciò che è gratis ha lo stesso valore che un pesce attribuirebbe ad una bicicletta: nulla… continua»

Dazi sdoganali

Il suo compito non è esattamente quello di frantumare i limiti e i perimetri della società, bensì quello di spostarli con apparente noncuranza sempre un po’ più in là… continua»

Ottica Expo

Sarà probabilmente dovuto ad un problema di angolazione: mi sforzo di guardare, ma continuo a non vedere… continua»

Imbullonite

Piccolo vademecum medico-enciclopedico sulla malattia sociale, pienamente sviluppata e in circolazione, che affligge da non poco tempo il nostro già gracile paese… continua»

Riforma costiturenziana

Indiscrezioni sul nuovo testo di riforma costituzionale fortissimamente voluto dal governo Renzi, nonché dai suoi renzianissimi fans… continua»

Cantastor(i)enzi

E così è già passato un anno.
Come vola il tempo quando si governa eh? continua»

Collestar: cosmesi quirinale

E così il bipresidente della repubblica si è dimesso.
Per la seconda volta.
C’è chi dice che ha abdicato al trono, qualcuno che ha rinunciato con lungimiranza al colle… continua»

La fame e la rete (porcilaia stampata e non)

E’ oramai chiaro, non c’è pace. Non ho ben capito se è questa società o questo paese che è disturbato sotto ogni punto di vista. Diciamo che rimango nel mio piccolo e terrò per buono il paese. E quindi è morto Pino Daniele, soprattutto un grande musicista e non serve che mi ci metta io […] continua»

Guano di picciotti

Sarà per via di un effetto collaterale del cambiamento climatico globale, ma in questi ultimi giorni abbiamo potuto assistere a un fenomeno meteorologico straordinario… continua»

L’analgesico renziano

La serenità del datore di lavoro viene continuamente intaccata da questa fastidiosa impossibilità di congedare velocemente e a basso costo i propri dipendenti. Frenando l’economia tutta, naturalmente… continua»

Paese imbarcato

Nel discorso pubblico del paese, in questi anni di crisi economico esistenziale, scorre potente l’abuso delle metafore marinaresche.
Sta di fatto che il podio più alto in tal senso va senza alcuna esitazione alla formuletta “siamo tutti sulla stessa barca”… continua»

La tana del presidente del biancon(s)iglio

“Presto che è tardi!”.
In quest’ossimoro la summa politica del rampante e dinamico presidente del consiglio.
Anzi, essendo egli un esteta del marketing, potrebbe esserne lo slogan, il brand o, meglio ancora, il tweet fondativo.
Un’esortazione all’azione, al fare, ma soprattutto all’entrare nel mondo delle meraviglie del renzianesimo… continua»

Il cittadino nell’era renziana

I cittadini italiani, uguali in potenza sulla carta costituzionale, ma diversi in essere per il governo e le leggi strabilianti dell’economia.
Breve vademecum contemporaneo all’uscita della legge di stabilità… continua»

Renzianesimo

Renzianesimo: religione fondata da Matteo Renzi, nel quale i credenti riconoscono, nello stesso tempo, l’iniziatore e profeta, il rottamatore e unico premier.
E’ una religione fondata, rivelata, dogmatica, proselitistica, universalistica ed escatologica. continua»

L’orda del giudizio

Tutti giudicano, ma solo alcuni lo fanno per degli spettatori.
Si mette in scena l’antica arte dell’umiliazione in pubblico e se ne fa spettacolo.
Anzi lo spettacolo: il talent-show… continua»

Merce da nulla

La crisi è tra noi e aleggia da ben più di un lustro ormai. Ne abbiamo i risultati sotto gli occhi tutti i giorni: attività che chiudono, lavoratori licenziati, disoccupati che non trovano lavoro, persone che non spendono, negozi che non vendono.
Eppure in quest’apparente afasia c’è un mercato specifico che è in costante espansione, dove, come si dice, il “business” non ha perso un solo colpo: è la vendita all’ingrosso del nulla. continua»

Marchetting.gov

Dopo la parentesi estiva, che per molti non è stata né soleggiata né vacanziera, è tempo di tornare a fare qualche considerazione sulle vicende del paese.
Ricordate?
All’inizio era una riforma al mese. Poi nel volgere di qualche mese è diventato un programma di governo di mille giorni, cioè tre anni. continua»

Al cuor non si comanda

In generale e per sommi capi… Al cuor non si comanda. Si vota a suffragio universale qualcuno che lo rappresenti e poi lo trascuri: è la democrazia sentimentale. Al cuor non si comanda. A turno lo si subaffitta equamente alla cittadinanza: è il socialismo sentimentale. Al cuor non si comanda. Lo si espropria e si […] continua»

Zompo nazionale

Nel tempo della crisi economica, della disoccupazione galoppante, dell’atomizzazione sociale, della polarizzazione sempre più marcata tra privilegiati e disperati ci si chiede: c’è ancora in questo paese qualcosa che unisca e non divida i cittadini, che li affratelli e non li trasformi in tifosi rabbiosi con la bava alla bocca? Difficile quesito. La risposta che […] continua»

Le muse del mose

A breve distanza dallo scoperchiamento della cloaca tangentizia dell’Expo, si è aperta un’altra enorme falla nel mefitico mondo degli appalti all’italiana: è l’affair del Mose. Un’opera mastodontica la cui finalità sarebbe di garantire il riparo dall’annegamento forzato della città di Venezia, dovuto all’innalzarsi più o meno periodico delle acque della sua celebre laguna. Ma dalle […] continua»

Chiedi al disagio

Sono passati due anni da quando abbiamo manifestato pubblicamente una leggera dissonanza nei confronti del presente. Non perché si aneli un fulgido passato (peraltro mai avuto), né tanto meno perché si agogni un radioso futuro (ci basta il luminoso presente…). Semplicemente è il modo che abbiamo trovato per comunicare il nostro perenne stato: fuori luogo […] continua»

Europanic room

Ci siamo. Mancano pochi giorni alla contesa elettorale europea e, mai come ora, si è pervasi da un malessere strisciante, degno dirimpettaio del disagio: la svogliatezza. Già, perché negli ultimi mesi non solo si è parlato poco e male dei temi europei (a parte la banalità, peraltro sacrosanta, del “basta austerity” che accomuna un po’ […] continua»

Expochade

Eccola lì “l’occasione straordinaria per un nuovo sviluppo”, o “il cuore della ripresa del paese”, o ancora “il successo del riscatto italiano” o se si preferisce il sempiterno “volano per la crescita”. Eh già: si parla proprio di quell’expo 2015 che solo pochi giorni fa campeggiava sulle prime pagine di tutti i quotidiani nazionali. Ma […] continua»

Sui binari dell’ignoranza

Tratto da un episodio di vita reale. Milano, 25 aprile. Ore 14 alla fermata di un tram che si fa desiderare. Nell’attesa appare un’adolescente e la di lei giovane madre. Dialogo tra le due. Figlia, indicando manifesto pubblicitario di una catena di abbigliamento: “Oh, ma hai visto questi sciooort che fighi che sono?”. Madre: “Mmmsi, […] continua»

Il nuovo ai tempi del renzismo

Tutti i vizi, quando sono di moda, passano per virtù. [Molière – Don Giovanni] Da alcuni mesi, anche se sembrano già dei lustri, si è insinuato nel panorama della politica nostrana un nuovo fibrillante fenotipo, frutto indigesto della dilagante ammirazione per l’attuale presidente del consiglio: è il renzista. Tifoso a tempo pieno delle mirabolanti doti […] continua»

Approssinazione

Pizza, spaghetti e mandolino. E’ la triade dello stereotipo più celebre che contraddistingue il nostro paese. Ma, per quanto spesso assai azzeccata, non considera una caratteristica macroscopica dell’italianità emersa con prepotenza nelle ultime decadi: l’approssimazione. Che non è quella matematica, ovvero la stima per abbondanza o per difetto di un dato di cui si ignora […] continua»

Fritto di parenzi

Avete presente quando in una deludente cena tra amici in una bettola qualunque salta su all’improvviso quello che ordina entusiasta la frittura mista? In pochi annusano inequivocabile il puzzo suicida dell’infelice scelta gastronomica. I più invece si accodano zelanti e in un unico armonico coro dietro il protagonista dell’azzardo culinario. Ecco, oggi siamo in quel […] continua»

Gregge elettorale

I meccanismi della costituzione democratica sono costruiti per essere adoperati non dal gregge dei sudditi inerti, ma dal popolo dei cittadini responsabili. [Piero Calamandrei] Quindi, ricapitolando lo stomachevole minuetto sulla nuova mirabolante legge elettorale che ci porterà fuori dalle paludose sabbie mobili della crisi come un benevolo e belante gregge di votanti, pare che il […] continua»

Del fare

Se è vero che solo chi non fa niente non sbaglia mai, è altrettanto vero che chi non pensa a quello che fa ha già sbagliato prima ancora di iniziare. Se ne ha conferma quasi quotidiana osservando, con qualche scampolo di lucidità, la squisita e sempre ilare situazione politichese nostrana. Una realtà inoppugnabilmente stagnante in […] continua»

Buoni propositi a sproposito

Con l’inizio dell’anno nuovo è consuetudine vaneggiare di lodevoli intendimenti, puntualmente irrealizzati, chiamati con ignara ironia “buoni propositi”. Eccone una sfavillante girandola. Smettere di credere a una svolta e limitarsi a un lento slalom. Sforzarsi di non sviluppare un’orchite intellettuale tutte le volte che ci si imbatte in espressioni quali “orlo del baratro”, “il popolo […] continua»

Questione di riflussi

Se è vero che gli eventi seguono i cicli dei corsi e ricorsi storici, come teorizzava Giambattista Vico, allora il nostro paese ne sarebbe la più plastica delle rappresentazioni. Almeno per quanto riguarda la politica. In ordine di tempo, a 10 mesi dalle ultime elezioni, i fatti rilevanti sono i seguenti: un movimento apartitico di […] continua»

Soccorso elvetico?

Le ideologie sono morte, i diritti civili in via di estinzione e la società liquefatta. E neanche io mi sento tanto bene. Epperò c’è qualcosa che non torna. Oltre ai conti pubblici, intendo. E’ un qualcosa che ha a che fare con la supina accettazione di quella subdola idea che teorizza da anni la scomparsa […] continua»

Fame di fama

Non saprei dire con esattezza come e quando è accaduto. Ma è successo. E’ diventato il mantra indiscusso della società, il fine ultimo di ogni ambizione, il risultato massimo di ogni individuo, la sola e unica fonte di benessere e felicità. Cosa? Ma il successo, naturalmente. Una chimera pressoché irraggiungibile che dia però un senso […] continua»

La ragione é dei fessi

Non si fa mai abbindolare. Sono gli altri che abboccano. Non è mai preso in castagna. Sono gli altri che si fanno beccare con le mani nella marmellata. Non è mai colto da un dubbio. Sono gli altri che sono privi di certezze. Non si è mai fermato a causa di uno scrupolo. Sono gli […] continua»

Stalk show

Con la triste ma inevitabile chiusura della parentesi estiva irrompe il consueto e pervasivo disturbo catodico che avevamo appena fatto a tempo a dimenticare: il talk show. Che, all’italiana, si traduce con impercettibili eccezioni in: tanto rumore per nulla. Soliti anfitrioni sorridenti nei loro salotti, soliti invitati giulivi ma pronti alla guerriglia verbale, solito pubblico […] continua»

I QUATTROMILA CANTONI

C’è, in Europa, un paese fatto di cantoni. La Svizzera? No. E’ un paese di alte e nevose montagne e di spettacolari spiagge assolate. Un paese intriso di cultura, di arte, di bellezza. Patria di pensatori, filosofi, intellettuali, poeti. Di scrittori, artisti, scienziati, artigiani. E di una classe dirigente anziana e inamovibile. E’ il nostro […] continua»

Alla gogna la vergogna

C’è un sentimento particolare che sembra essere stato bandito con infamia da una larga parte della classe dirigente degli ultimi vent’anni nel nostro paese: è la vergogna. Pare infatti che qualunque cosa succeda, si possa tranquillamente glissare, giustificare, sottovalutare, minimizzare. Basta non farci troppo caso, negare e, all’occorrenza, sfoderare il paradosso aureo: attaccare indignato l’accusatore […] continua»

Paralisi da crisi

Mentre il paese sprofonda ogni giorno un pezzetto di più nelle sabbie mobili, viscose e soffocanti della crisi, si ha, umiliante, la sensazione che nessuno faccia niente. Ricordate? Dapprincipio fu il periodo dei tecnici che, dotati di un presunto sapere sui Mercati sconosciuto al volgo, tutto avrebbero risolto. In tempi tecnici, s’intende. Poi arrivarono inattese, […] continua»

Quando gli scappano le riforme

Il momento delle grandi riforme, se ne parla puntualmente a ogni cambio di governo, a ogni spostamento di ministri, all’elezione di un “nuovo” Presidente della Repubblica, al cambio delle lenzuola o al cambio dell’armadio. La classe porcilitica lo dice sempre: “adesso però le riforme” Va bene, se servono veramente ai cittadini e magari sono pure […] continua»

Nel gorgo della competizione

Qual è la risposta sulla bocca di ogni politico, in ogni talk show, in ogni momento, per ogni problema? “Bisogna essere competitivi”. O tornare ad esserlo se mai lo si è stati. O imparare a diventarlo. In qualunque caso la perentoria formuletta, ripetuta come un mantra dappertutto, è diventata salvifica e inoppugnabile: il verbo dell’oracolo […] continua»

Repubblica del Disagio

La Bottega è una Repubblica democratica fondata sul Disagio… continua»

Il congelamento del cambiamento

Qualche mese fa, prima delle elezioni… C’era chi voleva cambiare città. C’era chi voleva cambiare mentalità. C’era chi voleva cambiare autorità. C’era chi voleva cambiare la società. C’era chi voleva cambiare lavoro. C’era chi voleva cambiare ristoro. C’era chi voleva cambiare abitudini. C’era chi voleva cambiare latitudini. C’era chi voleva cambiare sesso. C’era chi voleva […] continua»

Democristiani dentro

Il governo di larghe intese, partorito con fatica a due mesi dalle elezioni e dopo il vietnam parlamentare del centrosinistra, ha quell’inconfondibile olezzo denso di incenso. Non si sentiva così forte da diverso tempo, tant’è che più d’uno aveva pensato che quell’odore fosse ormai solo un lontano ricordo. E invece eccolo lì, di nuovo presente, […] continua»

Eterno ritorno

Osanna, osanna nell’alto dei cieli istituzionali: è arrivato il governissimo. Di larghe intese, si intende. Larghe, ma con misura: quel tanto che basta ad escludere una bella fetta di elettorato. Quella di quei recidivi che insistono a pensare che lo stato di eccezione in questo paese esista da più di vent’anni e coincida, guarda un […] continua»

Requiem for a pd

Nacque per coloro che erano ancora alla ricerca di un legame di appartenenza, di una promessa di rappresentanza. E in tanti pensarono, come prima di maritarsi, che fosse uno di quelli di cui si dice: beh, non è bellissimo, ma è un buon partito. Affidabile, autonomo, credibile, solido. E vincente. Non lo fu praticamente mai. […] continua»

Un presidente per amico

Innumerevoli personaggi starnazzano da giorni intorno al colle più ambito della capitale: trattasi della zuffa politica per l’elezione del nuovo presidente della Repubblica. E la tensione che si respira sembra quella tipicamente italica del giocatore compulsivo di superenalotto, ovvero tutti sperano di vincere, o almeno di far vincere un amico. Come non capirli? Del resto […] continua»

Ku Klux Klan Padano

Soltanto domenica gli integralisti leghisti, uomini dai valori solidi, si trovavano nelle terre di mezzo padane a sorseggiare druidi celtici. A parlare di cosa poi? Insieme a rutti e scoregge avranno passato la giornata a gridare: nord, il nord!!! Oggi la notizia della convention è passata più che in secondo piano. Quindi bene, vuol dire […] continua»

Quel bisogno di governanti

Insomma, a distanza di più di un mese dalla consultazione popolare di fine febbraio, assistiamo alla quasi unanime isteria collettiva che chiede, anzi, pretende di avere un governo. Ce lo chiede il Quirinale, i partiti, i sindacati, le imprese, una larga fetta di elettorato, le banche, l’amministrazione pubblica, l’immancabile Europa e finanche i famigerati Mercati. […] continua»

Bolle di balle

Con deprecabile ritardo (ché sono stato impegnato..) elargisco il mio modesto contributo all’ilarità collettiva dispensata senza remore, né vergogna, dal capocomico più in voga di sempre nel paese: il rinomato e sopraffino Berluffoni, alle prese con gli acciacchi dell’età. Sono sempre più belle le sue bolle di balle. continua»

Un’alleanza non è per sempre

Non sono un politologo, non sono statista, sono pensante e ti faccio un culo così. La questione non è palestinese, e con un piccolo sforzo possiamo quantomeno tentarci. Beppeeee! Dovresti saperlo alla tua età che essere duri e puri non è necessariamente l’arma vincente. E come sai il sistema lo si scardina da dentro, o […] continua»

Agonie di rating

La notizia economico-finanziaria è, ancora una volta, il declassamento di giudizio sull’Italia da parte di Fitch, nota “agenzia di rating” statunitense. Nel dettaglio la valutazione passa da un enigmatico A- a un arcano BBB+. E sembra subito che si stia parlando di un frigorifero. O di una lavatrice. Invece si tratta proprio di un voto […] continua»

Questi sono degli auguri

Anche se mi fate scervellare e un po’ incazzare. Vi regalo questa canzone. Auguri. continua»

Sonetto del non-vinto

S’i’ fossi Silvio, ardere’ lo parlamondo; s’i’ fossi Grillo, lo tempestarei; s’i’ fossi Monti, i’ l’annegherei; s’i’ fossi Dio, ognun mandereil’en profondo; s’i’ fossi Ratzinger, serei allor giocondo, ché tutti cristiani imbrigarei; s’i’ fossi Napolitano, ben lo farei: moniterei in giro pe’ lo mondo. S’i’ fossi morto, di Veltroni pigliere’l fonema; s’i’ fossi vivo, fuggirei […] continua»

Mercato di riparazione

Mi permetto di provare a dare anch’io una soluzione all’annosa questione dell’ingovernabilità. Questa è la mia soluzione. Berlusconi si tiene le tre reti, verrà fatto un condono totaletombale e globale a patto che si levi dal cazzo insieme a Capezzone, per sempre. Al Pd andranno 30 senatori/deputati Pdl girati a parametro zero, più la cessione […] continua»

Rabarbari stagnanti

Ancora una volta ce l’hanno fatta e, occorre dirlo, davvero a questo giro sembrava impensabile. Parlo naturalmente dei neo-vichinghi lombardi che, con i loro druidici rituali e annessi elmi e ramazze, sono riusciti nell’improbabile impresa di far risplendere virile e verde il sole padano sulla regione Lombardia. Certo, si dirà, la Lega Nord per l’indipendenza […] continua»

Atto senza parole

Come non partecipare, almeno sentimentalmente, alle amare considerazioni del compagno di bottega Mr. Evergreen che, nel suo ultimo post, esprime il sincero disagio di un qualunque elettore anche vagamente sinistrorso, ma ancora dotato di materia cerebrale pensante. Sì, sono particolarmente brutte queste elezioni, non c’è che dire. Anche se, per essere proprio onesti, non ho […] continua»

Godot da sinistra

Demagogia, code di populismo, ali di centrismo, responsabilità, sangue di giuda disgiunto. Ogni giorno al mercato del merdaio elettorale cercano di tirarmi dentro. E io che faccio? Visto che oramai mi avete tolto la mia sinistrezza la mia sinistritudine, si insomma quella cosa che pensavo fosse di sinistra che sinistra non è, perchè è vostra. […] continua»

Doveri di un cavaliere

Siamo in dirittura d’arrivo, le promesse si moltiplicano. Il Cavaliere Mascarato gioca il tutto per tutto e la butta sui sentimenti. continua»

Pre-pensionamento pontificio

E così il supremo pastore tedesco ha abdicato. Già, perché al di là del tormento interiore dell’uomo, si tratta proprio di questo: la rinuncia allo status di monarca assoluto della Città del Vaticano. Ovvero l’abbandono del potere politico, a vantaggio di un ritiro spirituale e di preghiera. Anche il papa schifato dalla politica? Anche lui […] continua»

Accrocchio di cuore

Non avendo cose mie per San Valentino, ne prendo un po’ da qualcun altro. Mago: Ed ora veniamo a te, mio luccicante amico. Tu desideri un cuore, non immagini quanto tu sia fortunato a non averlo; il cuore non sarà mai una cosa pratica finché non ne inventeranno di infrangibili. Uomo di Latta: Si, ma […] continua»

Schedina elettorale

Mi piacerebbe parlare d’altro, ma non vorrei rimanere indietro coi miei soci di blog sulla questione elettorale. Purtroppo non siamo ancora in dirittura d’arrivo, manca ancora molto prima che questa mappazza elettorale finisca. E noi sappiamo già cosa votare? Davvero pensiamo che togliendo quella tassa, aggiungendo quella legge o modificando quel decreto, basterà a sciogliere un […] continua»

Son sciocc

Sono fatto di parole, messe lì una dietro l’altra, apparentemente innocue, ma non sono un vocabolario. E nemmeno un discorso, o un’orazione, o una predica, o tantomeno un ragionamento. Sto periodicamente sulla bocca di alcune persone, mai nel loro encefalo. Il mio obiettivo è insinuarmi nei cuori di chi mi ascolta, in nessun caso in […] continua»

Champagne elettorale

Eccoci qui, a meno di un mese dalla spumeggiante sagra del voto popolare, a domandarci ancora una volta: che fare? Già perché, come si dice, l’offerta politica (ma che espressione è? Quanti punti fragola ci danno quando votiamo?) è variegata. E la champagne elettorale è satura di bollicine vecchie e nuove. Ma con quale gusto? […] continua»

Un tè in bottega

La bottega si è ritrovata in seduta plenaria per il tè delle cinque. Una riunione programmatica per il nuovo anno? Nient’affatto: solamente una merenda del disagio.. Grazie a chi ci sta seguendo. continua»

Veronica United for Mr.Purple

Non ho capito se la ex moglie di Berlusconi alla fine percepirà 200 mila o 100 mila eurini al giorno. Da qualche anno ormai ho contratto il mutuo, una grave patologia non sempre facile da curare, vorrei chiedere a Veronica di privarsi per un giorno dei suoi 100 mila eurini e donarli per il mio […] continua»

Il girotonto

Non so se avete notato che molti dei nostri brillanti politicanti ci tengono a precisare con virile autorevolezza che la loro candidatura al parlamento è il frutto di un interiore complemento di moto a luogo: scendono in campo, salgono in politica, traslano in un partito, scivolano in un movimento, etc.. Compreso il loro punto d’arrivo, […] continua»

Il Batsegnale

Purtroppo per noi la stagione elettorale si è insediata prepotentemente nelle nostre vite. Lo zio Silvio è stato il primo a rompere (in tutti i sensi) le danze. Subito dopo Marione,che prima ha titubato. Non mi candindido, magari forse, però se insistete quasi quasi. Ok mi candido. Il suo partner dovrebbe essere quel grande centro […] continua»

Postaggio

L’altra settimana, prima dell’avvento del grande varietà religioso, sono andato in posta, come accade ai comuni esseri mortali dotati di domicilio, causa periodico pagamento della bolletta dell’energia. Di seguito la cronaca dimessa di un’ordinaria esperienza di delirio. Primo giorno Mi reco nel primo pomeriggio alla posta di quartiere (in realtà un ufficio postale che ne […] continua»

La fine del fondo

Calendario sintetico di un anno di goliardica italianità. Gennaio Tesoriere ex partito margherita accusato di appropriazione indebita dei rimborsi elettorali. Fino qui tutto bene.. Febbraio Governatore pdl regione Molise condannato in primo grado e nuovamente indagato per abuso di ufficio. Fino qui tutto bene.. Marzo Tesoriere della lega accusato di appropriazione indebita e truffa aggravata […] continua»

Il cavaliere a dondolo

E’ confortante constatare in questi anni così irrequieti e instabili che il tempo è una pioggia leggera, ma costante: precipita equanime (su) tutti. Giusti e ingiusti, buoni e cattivi, onesti e disonesti, poveri e ricchi, cavalli e cavalieri. E infatti il noto Berluffoni nell’ultima settimana ci ha regalato delle perle di ossidabile senescenza a cui […] continua»

Primavarie

Grande fermento nella politica italiana in quest’ultima settimana, grazie all’adunata pre-elettorale dell’ipotetica coalizione di centrosinistra: le primarie. L’idea è quella di superare la personalizzazione dequalificante della res publica avvenuta nel recente passato a causa della parabola individuale del cavaliere arcoriano (che potremmo parafrasare sagacemente con l’espressione “un uomo sordido al comando”). Come? Semplice: scegliendo il […] continua»

Come se fosse Pd

Dalla grande gara delle primarie abbiamo i due sfidanti. Ma dai? Bersani e Renzi(non gli farei amministrare neanche il mio condominio) hanno sbaragliato la temibile concorrenza di Puppato, Vendola, che non sappiamo neanche se sarà un alleato nell’eventuale corsa coi sacchi delle elezioni. E poi c’era Tabacci, Tabacci!!! il quale ha preso l’1,4%. Muoio dalla […] continua»

Obamami

Alla fine non si è ben capito se c’è stato o meno un vero testa a testa o se si è trattato di un successo tanto scontato quanto atteso. Di chi? Semplice, di colui che venne acutamente descritto da un ben noto giullare nostrano con il seguente aforisma (derubricato poi dal suo stesso autore come […] continua»

n.c.d.

E quindi si scopre che l’ilare protagonista della politica italiana degli ultimi vent’anni, il noto Berluffoni, pare abbia frodato il fisco con un’evasione stimata intorno ai 270 milioni di euro. Ma pensa? E’ strano perché sembra proprio che si tratti di quella stessa personcina tanto ammodo che da presidente del consiglio dei ministri disse candidamente […] continua»

Ma quanto mi Renzi ?

Con grande sconforto mi accorgo che ogni giorno i giornali si occupano di Renzi, ma quanto mi Renzi. Una volta perchè è contro i capi bastone del suo partito, dopo è contro Vendola, è anche contro Marchionne (ma questo lo siamo un po’ tutti).. Quindi ora c’è da aspettarsi Renzi contro Gozzilla. Renzi contro Nosferatu, […] continua»

L’irrefrenabile bisogno del bis

E’ notizia fresca fresca degli ultimi giorni, ma emana già il suo rancido effluvio di pescato avariato. Si tratta di dilatare la tanto decantata parentesi tecnica che attualmente gestisce da protagonista il governo italiano, in un esecutivo semi-permanente. Insomma: dopo Monti, solo Monti. Ovvero un Monti-Bis (o Bismonti che dir si voglia). Il motivo di […] continua»

In merito al merito

Avete presente quell’espressione che agghinda tipo prezzemolo molte delle attuali considerazioni da bar sport sull’organizzazione della società? “Ce la meritiamo questa…” Dove, al posto dei punti di sospensione, potete tranquillamente inserire qualunque cosa. Ad esempio: casta politica, crisi finanziaria, nazionale calcistica, corruzione economica, criminalità mafiosa, antipolitica, catastrofe ambientale e così via. Ecco, l’irritante abuso di […] continua»

Grillo Vs. Pd

E’ sempre di grande risalto quando Grillo e Pd (Bersani) si scambiano i loro messaggi, a mio parere sempre usurati e anche un po’ anacronistici. Comunque sia alla fine parlano sempre del niente. Uno urla troppo e non si capisce quello che dice, però quando riesci a capirlo è difficile dargli torto, l’altro è totalmente […] continua»

Oddio Monti

Come parla? Le parole sono importanti! Come parlaaa? Breviario dell’attuale onorevole presidente del consiglio della Repubblica italiana. Sui sindacati: La concertazione è come il dentifricio, se non metti il tappo fuoriesce. Sul lavoro a tempo indeterminato: I giovani devono abituarsi all’idea che non lo avranno. Che monotonia il posto fisso, è bello cambiare. Sui diversamente […] continua»

Crisi olimpionica

Conclusa la parentesi olimpica estiva, con il suo implacabile corollario di bulimia mediatica, si possono fare, guardando il medagliere finale, alcune semplici considerazioni. La Giamaica, alla faccia del pil, è la nazione che corre più veloce di tutte. La Cina domina nel badminton per mantenere il mito ormai scricchiolante di “volano” dell’economia globale. La Gran […] continua»

Casinò finanziario

I veri protagonisti dell’estate degli ultimi anni sono i Mercati. La loro residenza preferita è nei moderni templi dove si svolge la quotidiana liturgia della sacra finanza: le borse. Luoghi strani, il cui funzionamento appare astruso e un po’ oscuro. La mia impressione di inesperto (ma credo non solo la mia) è però che il […] continua»

Moderni !

Vado a mettere mano in un campo che decisamente non è il mio, la moda. Certo qualcuno si domanderà qual è il tuo campo? Beh, nessuno. La differenza è che io non vado in tv a riempire i pitali o fare tappezzeria. Mi par di capire che nelle tv sia molto in voga trattare la […] continua»

Letargia della ragione

Io non c’ero. Ma undici anni fa, quando in quei tre giorni d’estate si accese d’improvviso il buio della paura per le strade di Genova, la ferocia di quegli eventi colpì anche me dritto in faccia con tutta la sua violenza. I manganelli, le cariche, i lacrimogeni, i blindati, gli spari. E il sangue. Dappertutto. […] continua»

Più o meno

Non c’è niente da fare. Nonostante a suo tempo ci applicammo con vigoroso impegno (e alterni risultati) nello studio delle tabelline, oggi siamo obbligati a vivere in una società costruita sull’aritmetica elementare, fatta di somma e sottrazione, più e meno. La disoccupazione aumenta. L’attività produttiva diminuisce. Lo spread aumenta. L’affidabilità economica diminuisce. Il debito pubblico […] continua»

La par(ti)cella di dio

Il 4 luglio 2012 la comunità scientifica internazionale si scopre in fibrillazione per l’annuncio al Cern di Ginevra della scoperta dell’esistenza sperimentale del bosone di Higgs. Trattasi più precisamente della verifica empirica del supposto campo di Higgs, tramite la cui interazione le altre particelle fondamentali acquisiscono, in maniera variabile, quella proprietà della materia a noi […] continua»

Schizofrenia da crisi

Lo scorso venerdì è stato il giorno, o meglio la notte, in cui c’è stata finalmente l’attesa svolta: si è raggiunto un accordo nel consiglio europeo sulle misure da prendere per affrontare la crisi economica. Tempismo perfetto tra l’altro, visto che la suddetta crisi è iniziata appena nel 2008. Comunque i Mercati brindano e le […] continua»

Quelli che

Quelli che “i giovani sono tutti mammoni”. Quelli che ”i vecchi sono i veri privilegiati”. Quelli che “il posto fisso è monotono”. Quelli che ”occorre più flessibilità in uscita dal lavoro”. Quelli che ”è pronta una paccata di miliardi”. Quelli che ”abbiamo dovuto deindicizzare le pensioni”. Quelli che ”abbiamo vissuto al di sopra delle nostre […] continua»

Lusso supposto

Non avete quella sensazione simile all’orticaria quando, di questi tempi, i discorsi sono letteralmente infestati dalla locuzione “vivere al di sopra delle proprie possibilità”? Io si, perché mi sembra che si postuli l’esistenza di un comune e recente passato edonistico fatto di ville aristocratiche, suv grandi come autotreni, vacanze caraibiche dall’altra parte del globo, spese […] continua»

Senti chi parla!

Per un attimo abbiamo veramente sospettato che la temutissima Crozia facesse i biscotti con la Spagna? Noi, dove nel nostro campionato di calcio si parla di presunte combine, di alcuni calciatori che si vendono le partite. Noi,che abbiamo una tabaccheria. Tralasciando il grado di corruzione generale del nostro paese. Ma senti chi parla! “Non so […] continua»

iMu

Chi afferma con sicumera che l’Italia è rimasta indietro sullo sviluppo delle nuove tecnologie digitali è in malafede. Quel qualcuno infatti non si accorge che il mirabolante esecutivo bocconiano ha elaborato una svolta innovativa che parte proprio da questo settore. L’azione riformatrice prende lo spunto da una puntigliosa analisi di mercato sui successi commerciali della […] continua»

L’usurpatore

C’è qualcuno che dall’inizio del millennio (e anche da prima..) sta cercando di strappare, usurpandola, la nostra dignità di cittadini consapevoli. Come dite? Berluffoni? Si, certo anche lui.. ma in realtà mi riferivo ad un processo più sottile e intellettuale (caratteristiche evidenti per le quali lui non c’entra..). Un tempo non troppo lontano le persone […] continua»

i Imu

E dunque c’è da pagare l’Imu, nel mio caso la tassa su una proprietà che è poi più della banca che mia, vabbè questo lo hanno già detto in molti. Nel mio comune alle porte di Milano, scopro che devo versare entro il 18 giugno € 9,00 di anticipo… Mario ma tutt’ stù burdell per […] continua»

Mercati schizzati

Dunque, vediamo di ricapitolare un po’ alcuni avvenimenti degli ultimi tempi. A “i Mercati” non piace che i greci votino di nuovo per decidere del loro futuro. A “i Mercati” non piace che gli spagnoli abbiano votato per cambiare governo (ma l’hanno fatto ugualmente). A “i Mercati” non piace che gli italiani avessero pensato di […] continua»

Papone

Vorrei ringraziare il Papa detto “Il Pastore Tedesco” (citazione dal quotidiano Il Manifesto) per aver visitato la città della moda. Il mio caloroso grazie è supportato da questa canzone dei  Radici Nel Cemento. continua»

Il Vabbuò boreale

Quindi gli integerrimi celoduristi ai vertici della lega nord si battono con pedemontano vigore contro lo spreco di denaro pubblico (degli altri). Vabbuò.. E il loro capopopolo ragliante in canottiera e dito medio è un individuo inconsapevolemente circuìto da persone di un opaco cerchio esoterico. Vabbuò.. E il di lui ittico figliolo è un fulgido […] continua»

CERCA NEL DIASGIO: