SEGUI IL DISAGIO SU:

informativa cookie e privacy

home > sonata desolata >

Onda Hammond

onda-hammond

Avete mai visto un aspirante pizzaiolo saltellare con acido fervore su una doppia fila di tasti bianchi e neri incastonati nel legno?

A me è successo. E diverse volte, per la verità.

E’ stato nelle occasioni in cui ho avuto la fortuna di vedere dal vivo una band strepitosa, dal cuore funk, protagonista della scena acid-jazz britannica degli anni 90: the James Taylor Quartet.
Il nome del gruppo è quello del suo fondatore, nonché organista, e, a parte l’evidente omonimia, nulla ha a che vedere con il noto cantautore statunitense James Taylor.

Questo James Taylor fa ai tasti del suo glorioso hammond quello che James Bond fa alle donne: li scalda e li suona che è un piacere.
La differenza è che nel farlo gesticola e muove le braccia come se stesse preparando una diavola o una quattrostagioni. E invece strappa fuori dal suo organo legnoso un’ondata di note che si incastrano a meraviglia con il ritmo forsennato e gustosamente lisergico degli altri talentuosi musicisti.
Il risultato è un funky-jazz pregevolissimo, unito ad un ebbro entusiasmo che dal palco si riversa sul pubblico con un effetto letteralmente trascinante.

Vi risparmio le note biografiche e discografiche della band, che, se interessati, potete tranquillamente reperire ovunque nella rete.
Vi basti, solo come curiosità e segno distintivo, che il loro secondo album è stato concepito come la colonna sonora di un film di spionaggio immaginario.

Se però anche voi fate parte della affollata fascia degli oltrentenni, non potete perdervi questo brano, che è la rivisitazione musicale di un vero e proprio pezzo di storia.

meditato da Mr SeeRed
16-10-2013

Vuoi lasciare un commento? Scrivilo sul "Muro del Disagio"

CERCA NEL DISAGIO: