SEGUI IL DISAGIO SU:

informativa cookie e privacy

home > sonata desolata >

Son s’cioppàa

Enzo-Jannacci

In questi giorni pasquali il disagio è veramente di casa.

Soprattutto qui da noi, nel ventre grigio della metropoli milanese, listata a lutto, almeno nei cuori, per l’addio al più bravo medico chirurgo cantautore della città: è scoppiato Enzo Jannacci.

Mi ha sempre fatto molto ridere e molto pensare.

Con quella sua inimitabile ironica amarezza e la sua voce vinosa, capace di lasciarti stordito a riflettere sul pessimismo della vita, ma sempre con il sorriso sul volto.

Abbiamo un terribile bisogno di artisti che ci aiutino a meditare. Oggi più che mai, in questo mondo che pretende solo che continuiamo a correre e a correre e a correre ancora. Perché a fermarsi un momento c’è il rischio serio che ci si metta a pensare.

Comunque, ovunque tu sia caro Enzo (e ti voglio immaginare insieme al tuo vecchio amico G), aspettaci tutti, che noi nel frattempo continuiamo a ruzzolare nel nostro disagio aspettando insieme a Pedro Pedreiro che aspetta il tram.

meditato da Mr SeeRed
31-03-2013

Vuoi lasciare un commento? Scrivilo sul "Muro del Disagio"

CERCA NEL DISAGIO: